FISICA 2

Crediti: 
12
Settore scientifico disciplinare: 
FISICA SPERIMENTALE (FIS/01)
Anno accademico di offerta: 
2017/2018
Semestre dell'insegnamento: 
Annuale
Lingua di insegnamento: 

Italiano

Obiettivi formativi

Fornire agli studenti del secondo anno di Fisica comprensione e conoscenza dei più rilevanti fatti e delle leggi fisiche che riguardano l'elettromagnetismo e l'ottica. Il metodo sperimentale fornirà la base per tale comprensione fondandosi su dati sperimentali riproducibili e sull'utilizzo dei metodi della matematica. Le teorie fisiche più rilevanti verranno apprese in termini di struttura logica e matematica, di evidenze sperimentali, di fenomeni fisici da esse descritte.

Conoscenze e capacità di comprendere:
Alla fine del percorso dell’insegnamento lo studente dovrà conoscere i fenomeni fondamentali dell'elettromagnetismo classico e le leggi che li governano. Dovrà, inoltre, essere in grado di risolvere problemi relativi agli argomenti trattati in teoria.

Competenze:
Lo studente dovrà essere in grado di analizzare i fenomeni elettromagnetici e di interpretarli sulla base di una formulazione matematica delle leggi fisiche.

Autonomia di giudizio:
Alla fine del corso, lo studente dovrà possedere gli strumenti per comprendere i fenomeni fisici di natura elettromagnetica.

Capacità comunicative:
Lo studente dovrà possedere l’abilità di esporre in maniera chiara i concetti di base dell'elettromagnetismo e le loro conseguenze sui fenomeni osservabili.

Capacità di apprendere:
Lo studente dovrà aver acquisito quelle capacità di apprendimento dell'elettromagnetismo che gli sono necessarie per intraprendere studi successivi con un alto grado di autonomia.

Contenuti dell'insegnamento

Elettrostatica e magnetostatica nel vuoto e nella materia. Elettrodinamica. Onde elettromagnetiche. Ottica ondulatoria. Elementi di relatività ristretta.

Bibliografia

- C. Mencuccini e V. Silvestrini: Fisica II (Elettromagnetismo-Ottica). Liguori Ed.
- R. Caciuffo e S. Melone, “Fisica Generale”, Vol. 2, Masson, Milano
- R. P. Feynman, R. B. Leighton, M. Sands: The Feynman Lectures on Physics,
vol 2
- Halliday, Resnick, Krane, Fisica 2, Casa Ed. Ambrosiana.

Metodi didattici

Lezioni frontali ed esercizi

Modalità verifica apprendimento

La valutazione si basa su tre prove scritte parziali durante l'anno, o, alternativamente su una singola prova scritta finale, e un esame orale finale. Si è ammessi alla prova orale se la media delle prove scritte parziali, o il voto di quella finale, è almeno 13/30.
Le prove scritte parziali contengono due problemi, utili a verificare la capacità dello studente di applicare i concetti appresi nella teoria, e durano due ore. Quella unica finale contiene tre problemi e dura tre ore. Durante le prove scritte è consentito l'uso della calcolatrice e degli appunti del corso.
La prova orale verte sulla verifica dell'apprendimento e comprensione degli argomenti trattati a lezione, e dura di norma un'ora. La valutazione per ciascuna prova, scritta o orale, è in trentesimi. In caso di svolgimento delle prove scritte parziali, il voto finale dello scritto risulta dalla media del voto dei parziali. Il voto finale dell'esame risulta dalla valutazione complessiva di scritto e orale, di norma con pesi equivalenti.
Il voto finale viene comunicato immediatamente al termine della prova orale; il voto delle prove
scritte viene comunicato nell’arco della settimana successiva alla prova, tramite pubblicazione su Esse3.
Si ricorda che l'iscrizione on line all'appello è OBBLIGATORIA sia nel caso di prova scritta sia nel caso di prova
orale.